Cosa Offriamo

Bontà e genuinità caratterizzano la nostra produzione e regalano al marchio “Bolla”, garanzia di qualità. Ogni giorno, da centovent’anni, decliniamo la freschezza in prodotti diversi, accompagnando il cliente in ogni momento di relax e di benessere. Il caffè veloce, il gelato da passeggio, il piatto caldo o freddo per la pausa pranzo, l’aperitivo, la pasticceria dai mignon alla torta, ai dolci tipici lariani, per festeggiare e suggellare i momenti più belli.

I nostri prodotti
Colazione

Da noi la colazione è importante. Per questo il caffè è “Illy”, la panna e il latte freschi valorizzano il cappuccino. E un vasto assortimento di brioches, dolci e paste arricchiscono la scelta per tutti i gusti.

Pasticceria

La pasticceria viene sfornata dai nostri laboratori, fatta con ingredienti di qualità. Si preparano su ordinazione paste, torte, anche da cerimonia, rispondendo ad ogni richiesta.

Semifreddi

Offriamo ampia possibilità di scelta anche per i dolci semifreddi: dai semplici assaggi alle torte gelato. Proposte diverse, anche su ordinazione.

Gelati

Gelati e semifreddi rispettano la ricetta di Angelo Carenzio, che, già mezzo secolo fa, seguiva i dettami dei nonni: solo ingredienti naturali senza conservanti e additivi.

Feste

Ogni occasione di festa è per noi una chance per mettere alla prova esperienza e innovazione. Dolci tradizionale e novità sono il nostro fiore all’occhiello dove la bontà si unisce alla fantasia.

Confezioni Speciali

Abbiamo pensato ad un dolce buono, ma anche accattivante. L’unicità è per noi una sfida e una priorità. Ogni cliente può richiedere confezioni speciali, per rendere indimenticabile ogni momento.

PRODOTTI PER CELIACI

Il gusto e la bontà sono un regalo per tutti. Bolla è da sempre attenta alle esigenze dei clienti. Per questo offre gelati, dolci e torte rigorosamente “gluten Free”, senza glutine per celiaci. Alimentazione sicura e aperta a chi non vuole rinunciare al gelato.

 

Cosa è la celiachia

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente in avena, frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale. L’incidenza di questa intolleranza in Italia è stimata in un soggetto ogni 100 persone. Ogni anno vengono effettuate 20.000 nuove diagnosi con un incremento annuo di circa il 20%. Per curare la celiachia occorre escludere dal proprio regime alimentare alcuni degli alimenti più comuni, quali pane, pasta, biscotti e pizza, ma anche eliminare le più piccole tracce di glutine dal piatto. Questo implica un forte impegno di educazione alimentare. La dieta senza glutine, condotta con rigore, è l’unica terapia che garantisce al celiaco un perfetto stato di salute.

Storia

Vieni anche tu presso la nostra cremeria
dove potrai trovare in esclusiva il libro della nostra storia:
“Una storia lunga centovent’anni”

Le prime notizie in merito alla distribuzione del latte nella città di Como rintracciate all’archivio di stato risalgono al 1895 ed esattamente al 17 febbraio 1885 con la pubblicazione sul giornale “La Provincia di Como della domenica” di una simpatica poesia in vernacolo comasco scritta da un anonimo che si firma “Romito” intitolata “La Donna del Latt”. Da altre notizie avute sempre dall’archivio di stato si apprende quanto grave e non di facile soluzione fosse la distribuzione del latte in Como, spesso adulterato e igienicamente insicuro. In merito a tale situazione, in data 31 marzo 1898, un certo Alberto Mariani (forse ufficiale sanitario del Comune) inizia uno scambio di lettere con il sindaco della città. E’ in queste circostanze, ritenute di impossibile soluzione, che ben si affaccia alla ribalta la nascita della “Latteria Bolla”. Alle porte di Milano fuori Porta Magenta, oggi via Paris Bordone, esisteva una “Cascina Bolla” risalente al 1400. Tale cascina alla fine del 1800 era condotta dal sig. Gianni Francesco il quale possedeva una mandria di vacche da latte, che come risulta da un certificato del servizio veterinario del Comune di Milano, offriva una produzione lattiera con le più ampie garanzie igienico sanitarie. Il sig. Gianni nel 1898 inoltrò domanda alla giunta municipale di Como affinché gli venisse concesso il permesso per aprire un esercizio per la vendita di: latte, burro, panna, uova e miele centrifugato; denominato : ” Fattoria Bolla di proprietà della Nobile Casa Ducale Visconti di Modrone”.

Tale esercizio commerciale denominato “Fattoria Bolla” e reclamizzato con un manifesto opera del pittore Achile Beltrami, passò di proprietà di un certo Carlo Piovella con la denominazione di “Premiata Latteria Bolla” il quale continuò nel commercio. Il negozio fu poi ceduto nel 1910 a Massimina Carenzio che lo trasferì in via Boldoni. Massimina cedette l’attività, in seguito, al cugino Luigi e alla moglie Luigia “Gina” Squinzi che coadiuvati dai fratelli di Luigi, dettero nuovo impulso al commercio dei prodotti classici della latteria. I nuovi proprietari svilupparono in tutta la città di Como un ampio servizio a domicilio e iniziarono nel contempo una qualificata attività di caffetteria e gelateria che diventò ben presto un punto di incontro e di sosta per ogni ceto sociale, specie per la consumazione di rapide ed economiche colazioni. Si può ben dire che gran parte degli abitanti sia della città di Como che di quelli provenienti del lago, dalla convalle e dal vicino Canton Ticino frequentarono la rinominata “Latteria Bolla”. Luigi attivò nel comune di Cassina Rizzardi un moderno centro per il trattamento del latte dove si preparavano prodotti caseari in vendita presso il negozio di Como, ormai rinnovato e radicato nella tradizione comasca per la bontà e genuinità di quanto era oggetto di vendita. Nel 1935 la “Latteria Bolla” si trasferì nella nuova sede in via Boldoni.

Negli anni di guerra 1940-45 la Prefettura dette incarico a Luigi carenzio di provvedere a rifornire di latte la città. Compito che Luigi svolse con sacrificio e abnegazione. nel 1945 alla morte di Luigi l’attività passò nelle mani della vedova e del figlio Angelo, coadiuvato dalla moglie Pia Camozzi. Nel 1952, Angelo carenzio ed un socio aprirono parallelamente all’attività principale anche una di fittabili di un’azienda agricola. tale attività portò Angelo ad essere nominato presidente del “Consorzio produttori latte di Como”. Angelo, a tutela dei consorziati, aprì una moderna centrale del latte. Nel 1960 Angelo Carenzio rilevò la allore “Pasticceria Maghetti”, la ristrutturò e la chiamò “Pasticceria Bolla”. La genuinità dei prodotti, l’accurata preparazione e la bellezza delle sue confezioni, frutto della preziosa collaborazione dei suoi dipendenti, portarono presto la “Pasticceria Bolla” ad una significativa rinomanza in Como e provincia. Purtroppo nel 1978 tale attività venne dolorosamente alienata. Nel 1970 venne eseguita un annuiva opera di ristrutturazione della “Latteria Bolla” ora arricchita da una aprete composta da 360 piastrelle del noto artista Fausto melotti. Nel 2003 la “Latteria Bolla” venne nuovamente restaurata da Anna Carenzio, figlia di Angelo, insieme al figlio Alberto ed il marito Angelo Vetrano, i quali tuttora proseguono nella conduzione familiare del negozio.

laprimacremeria
La prima cremeria
sullarivadellago
Sulle rive del lago
negozio
Il negozio

pulsante_sfogliaillibro

Il Corriere di Como del 11/12/2006

Contatti

Cremeria Bolla 1893
Via Pietro Boldoni 6
22100 Como

Tel. 031264256
Fax. 031264256

info@cremeriabolla.it

Secured By miniOrange

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi